18 mar. 𝗣𝗲𝗿 𝗰𝗵𝗶 𝗻𝗼𝗻 𝗰’𝗲̀ 𝗽𝗶𝘂̀. 𝗣𝗲𝗿 𝗰𝗵𝗶 𝗿𝗲𝘀𝘁𝗮 𝗲 𝗻𝗼𝗻 𝗱𝗶𝗺𝗲𝗻𝘁𝗶𝗰𝗮

Alle 11.00, è stato stabilito un minuto di silenzio in ricordo delle vittime

Sono decedute durante questo anno di pandemia, oltre 103.000 persone, di cui oltre 80 infermiere/i.

La Consociazione Nazionale delle Associazioni Infermiere/i si unisce al cordoglio per chi ha perso la vita a causa dell’epidemia.

Dietro ogni persona che non c’è più, c’è un’altra persona, una famiglia che ha sofferto e che soffre tuttora.Le infermiere e gli infermieri continuano ogni giorno da più di un anno, 24 ore al giorno, ben oltre il dovere e le proprie forze a lavorare al servizio dei cittadini e della nazione, per salvare le vite umane. 

Proprio nel ricordo di chi non c’è più, CNAI invita le Istituzioni regionali e nazionali, ad impegnarsi in un radicale cambio di passo volto ad aumentare le capacità ed innovando i modelli di assistenza delle strutture ospedaliere ed in ambito territoriale e di comunità, investendo in particolare sulle risorse infermieristiche.

La CNAI si unisce a chi ha perso i propri cari e a tutti loro ci stringiamo nel ricordo.

Mail: info@cnai.pro